EMERGENZA IN AFGHANISTAN

Un sostegno per gli afghani sotto il regime talebano

Il ritorno dei Talebani in Afghanistan ha avuto fin da subito un grave impatto sulla vita della popolazione. In pochi giorni, decine di feriti da arma da fuoco già affollano gli ospedali e le strade della capitale, così come i campi profughi improvvisati in cui affluiscono un numero sempre maggiore di sfollati interni (anche detti IDPs, Internally Displaced Persons
provenienti da tutto il Paese sono ormai decine di migliaia di persone in gravi condizioni igieniche e sanitarie, spesso private anche dei più basici beni di prima necessità.

Il Paese versava già in gravi difficoltà anche prima del recente ritorno talebano, con all’incirca metà della popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà e 12.5 milioni
di persone che già ora versano in condizioni di grave insicurezza alimentare. Inoltre, il 57% della popolazione è analfabeta, con circa 3.7 milioni di bambini che non frequentano la
scuola – di cui l’85% di sesso femminile.

In questo contesto, “Insieme si può…” ha risposto alle necessità della popolazione afghana con progetti di istruzione, salute, microcredito e sviluppo umano.

 

Il nostro impegno

 

In questo momento di emergenza, dovuto al ritorno del regime talebano, “Insieme si può…” si impegna a sostenere la popolazione afghana su due fronti.

In primo luogo, continua il nostro sostegno storico per RAWA (Associazione rivoluzionaria delle donne dell’Afghanistan) e le altre organizzazioni locali di donne che, rimaste al fronte, non hanno smesso di impegnarsi, rischiando la propria vita per un Afghanistan in cui i diritti e la dignità di ciascuno siano rispettati e tutelati. Donne e organizzazioni che, correndo un rischio tanto elevato quanto la loro dedizione, continuano a lavorare e lottare perché l’Afghanistan sia un Paese laico in cui le bambine vadano a scuola, le donne possano lavorare, vi sia giustizia, si coesista in pace.

Inoltre, proprio attraverso queste organizzazioni, “Insieme si può…” si impegna a raggiungere con aiuti di emergenza donne, bambini e feriti nei campi per sfollati interni di Kabul e del resto del paese. In particolare, si consegneranno beni di prima necessità alle migliaia di profughi che vivono in questi campi in condizioni di grave deprivazione.

 

 

Settori:

Dove nel mondo: Afghanistan

Scheda progetto dettagliata: scarica il documento

 

 

SOSTIENI IL PROGETTO

Tramite bonifico, con causale “Erogazione liberale – Emergenza Afghanistan”:

  • Conto Corrente Postale: 13737325
  • Conto Corrente Bancario: UNICREDIT BANCA IT 16 K 02008 11910 000017613555
  • Conto Corrente Bancario: CORTINABANCA IT 23 A 08511 61240 00000 0023078

Oppure tramite carta di credito o Paypal direttamente online, causale “Erogazione liberale – Emergenza Afghanistan”