Un aiuto ai profughi venezuelani

Generi di prima necessità per i venezuelani in fuga dal loro Paese verso il Perù

 

Il numero di rifugiati e migranti in fuga dal Venezuela e sparsi in tutto il mondo ha superato a oggi i 4 milioni. Tra loro, più di 1 milione sono bambini, che non hanno nessun tipo di assistenza specifica. Secondo le stime dell’ONU, i profughi venezuelani diventeranno 8 milioni entro la fine del 2019. I più fortunati riescono a raggiungere parenti e amici in Nord America o in Europa, i più poveri scappano con ogni mezzo possibile (spesso a piedi!) nei vicini Colombia e Brasile, ma anche verso i lontani Ecuador, Perù, Messico.

Una fuga da un inferno dove manca tutto. L’inflazione è ormai a livelli assurdi. Cibo, acqua, luce, medicine, vestiti sono ormai miraggi per la maggior parte della popolazione, che per il 90% vive sotto la soglia di povertà, e la situazione continua a peggiorare. La disoccupazione è a livelli altissimi e qualsiasi soluzione sembra lontana, complice anche la scarsa attenzione data dall’opinione pubblica internazionale a questa crisi che sta silenziosamente annientando un Paese intero.

 

Il nostro impegno

 

Oltre al dolore del dover abbandonare forzatamente la propria terra e alle difficoltà del viaggio, le famiglie profughe dal Venezuela devono affrontare difficili sfide per regolarizzare il proprio status migratorio nei Paesi di arrivo, il che influisce sul loro accesso alla protezione sociale, alla salute, all’istruzione, ai mezzi di sussistenza e alla protezione: vittime di questa situazione sono soprattutto i molti bambini.

Silvano Roggero, nostro referente da anni del progetto di Sostegno a Distanza in Colombia e di altri progetti in Perù, da dicembre 2017 è impegnato nell’accoglienza e nel supporto materiale e morale ad alcune famiglie venezuelane che giungono a Lima dopo un lungo ed estenuante viaggio, alla ricerca di un futuro migliore.

Alle famiglie vengono dati pacchi alimentari con alimenti di base (riso, pasta, zucchero, latte, caffè, tonno), prodotti per l’igiene personale, farmaci generici, vestiti, ma anche piccoli contributi per le utenze domestiche, l’acquisto di materiale scolastico o le visite mediche, e un aiuto nella ricerca di una casa e un lavoro.

Inoltre vengono organizzati incontri periodici con psicologi e iniziative comunitarie che coinvolgono venezuelani e peruviani, per lo scambio di materiale, un supporto morale, una doccia calda e la condivisione di un pranzo.

 

Budget di progetto: 2.450 euro
Settori: 
Dove nel mondo: Lima (Perù)
Scheda progetto dettagliata: scarica il documento

 

SOSTIENI IL PROGETTO

Tramite bonifico, con causale “Profughi venezuela”:

  • Conto Corrente Postale: 13737325
  • Conto Corrente Bancario: UNICREDIT BANCA IT 16 K 02008 11910 000017613555
  • Conto Corrente Bancario: CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D’AMPEZZO E DELLE DOLOMITI IT 23 A 08511 61240 00000 0023078

Oppure tramite carta di credito o Paypal direttamente online, causale “Profughi venezuela”