Emergenza ciclone Mozambico

Acqua potabile, cibo, medicine, kit igienici per la popolazione del Mozambico centrale, colpito dalla violenza distruttrice del ciclone Idai

 

Nella notte tra il 14 e il 15 marzo 2019 il ciclone tropicale Idai si è abbattuto su Beira, capoluogo della Provincia di Sofala, nel Mozambico centrale. Piogge torrenziali e forti venti hanno devastato le Province di Sofala, Zambezia, Manica e Inhambane, con conseguenze devastanti per la popolazione locale, circa 600.000 persone.

A meno di due settimane i morti accertati sono circa 800, più della metà in Mozambico, oltre che in Zimbabwe e in Malawi, e si contano più di 1.500 feriti. È un bilancio provvisorio, le autorità ritengono che i numeri di vittime e feriti siano destinati ad aumentare.

Molte aree del Paese sono senza energia elettrica e telecomunicazioni, si stimano oltre 58.000 abitazioni completamente o parzialmente distrutte e più di 100.000 persone accolte in 130 campi di accoglienza.

 

Il nostro impegno

 

Medici con l’Africa – Cuamm, con cui collaboriamo da anni in diversi progetti e iniziative, è presente nella città di Beira dal 2003 e dispone di uno staff medico di 35 persone pronto ad intervenire per fornire una risposta all’emergenza umanitaria in coordinamento con altri soggetti (ONU, OMS, Governo, altre ONG).

Tra i danni più gravi a cui dare risposta urgente il Cuamm ha individuato l’interruzione dell’approvvigionamento idrico, con la prevalenza di acqua non potabile che sta mettendo la popolazione a rischio di malattie come il colera; la distruzione di case, con la popolazione sfollata e ad alto rischio sicurezza, in particolare per le fasce di popolazione più esposte come donne e bambini; i danni causati alle strutture sanitarie, inclusa la perdita di materiali e forniture. Secondo le autorità locali, almeno 24 unità sanitarie sono state colpite, compreso il pronto soccorso dell’Ospedale Centrale di Beira, attualmente non operativo.

Al momento si segnala come fondamentale l’acquisto di:

  • cibo e abiti per gli sfollati
  • kit per acqua potabile, composto da pastiglie di cloro, tubo di gomma, tanica, imbuto (20 €)
  • kit igienico con sapone, bacinella e tovagliette (25 €)
  • kit di pronto soccorso con garze, disinfettante e bendaggi (60 €)
  • kit sanitario con farmaci e fluidi per il contenimento delle epidemie (100 €)

In accordo con il Cuamm, ci siamo impegnati a raccogliere 6.000 euro.

 

Budget di progetto: 6.000 euro
Progetto realizzato daMedici con l’Africa – Cuamm
Settori: 
Dove nel mondo: Beira (Mozambico)
Scheda progetto dettagliata: scarica il documento

 

SOSTIENI IL PROGETTO

Tramite bonifico, con causale “Ciclone Mozambico”:

  • Conto Corrente Postale: 13737325
  • Conto Corrente Bancario: UNICREDIT BANCA IT 16 K 02008 11910 000017613555
  • Conto Corrente Bancario: CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D’AMPEZZO E DELLE DOLOMITI IT 23 A 08511 61240 00000 0023078

Oppure tramite carta di credito o Paypal direttamente online, causale “Ciclone Mozambico”