10 Casette per le famiglie più povere a Marovoay

“Insieme si può…” opera da anni nel Nord del Madagascar, in una regione estremamente povera, nella quale la popolazione vive priva di assistenza sociosanitaria, scolastica e alimentare. Tra le fasce più deboli di cui ci prendiamo cura c’è quella degli anziani, delle persone disabili e sole e delle famiglie che vivono nella miseria; a farsi carico delle loro situazioni è Maurizio Crespi, operatore di ISP in loco che si dedica con grande umanità e impegno pratico a sostegno degli ultimi tra gli ultimi.

Nel 2020, ad aggravare la situazione, quest’area del Madagascar è stata colpita da un’alluvione. L’acqua caduta ha fatto ingrossare i fiumi e i torrenti causando frane e inondazioni, molte strade sono state letteralmente cancellate dalla forza dell’acqua, causando l’isolamento di molti villaggi e comunità. Vicino alla città di Tanambe è crollata una diga e tutti i territori nel raggio di diversi chilometri sono stati completamente allagati. A causa dell’alluvione le case di molte famiglie sono state trascinate via dall’acqua. Con i pezzi di materiale rimasto qua e là sul terreno sono state ricostruite abitazioni precarie e spesso insalubri. In questa situazione di enorme difficoltà, la popolazione si sforza di reagire per ricostruire pian piano un futuro in cui sperare. Le fondamenta da cui ripartire con speranza sono proprio quelle di una casa, che pur nell’estrema semplicità sia dignitosa.

L’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia ha reso ancor più necessario e urgente intervenire per garantire un’abitazione sicura e dignitosa alle persone sfollate o che già da prima dell’alluvione vivevano in condizioni disumane, in case fatiscenti e pericolanti. Maurizio Crespi, responsabile dei progetti di “Insieme si può…” in Madagascar, si sta impegnando su questo fronte, per garantire la costruzione di 10 nuove case che possano accogliere altrettante famiglie.

 

Il nostro impegno

Ci impegniamo a ricostruire le casette di 10 famiglie e a dare loro una nuova speranza nel futuro: servono all’incirca 1.500 euro a casetta, che comprendono l’acquisto dei materiali e la manodopera.

Un valore aggiunto di questo progetto è rappresentato dallo stile di coinvolgimento e di formazione professionale che Maurizio mette in campo, impegnandosi nella condivisione della propria esperienza e competenza nei progetti edili, coinvolgendo maestranze locali e persone svantaggiate nella varie fasi della costruzione.

Nella foto è possibile vedere l’esempio di una casetta già ultimata, e la gioia di chi la abiterà nel sapere di aver ritrovato un posto sicuro e dignitoso in cui vivere.

 

 

Settori:

Dove nel mondo: Marovoay, Madagascar

Scheda progetto dettagliata: scarica il documento

 

 

SOSTIENI IL PROGETTO

Tramite bonifico, con causale “Casette a Morovoay”:

  • Conto Corrente Postale: 13737325
  • Conto Corrente Bancario: UNICREDIT BANCA IT 16 K 02008 11910 000017613555
  • Conto Corrente Bancario: CORTINABANCA IT 23 A 08511 61240 00000 0023078

Oppure tramite carta di credito o Paypal direttamente online.

 

 

DONA ORA