Insieme si può

PER 365 GIORNI, A 360 GRADI

al fianco degli ultimi, dei loro diritti negati, della loro dignità violata, dei 30.000 bambini che ogni giorno muoiono a causa dell’estrema povertà.

Storia di B.
di Francesco De Bon

“Ho denunciato ai carabinieri tutto quello che mi hanno portato via. Quelli sono cattivi, mi hanno dato la droga e non mi ricordo più, poi mi sono svegliato in ospedale. Sì perché c’è un complotto contro di me, perché ho salvato il papa, conosco i codici di matrix, so cosa c’è nell’area 51, ho inventato un super computer, so chi ha abbattuto le twin towers. E spegni internet perché controllano anche te. Sto cercando mio fratello, che l’hanno portato via gli sporchi arabi, sfruttato perché è il più bravo informatico del mondo, che lavorava in Russia.

Mi ha insegnato la matematica, anch’io sono bravissimo, il programma di giochi l’ho caricato io. E anche Mustapha ha problemi perché fuma hashis, beve e lo picchiano. Quando ero in Marocco mi davano la droga, un anno stavo bene e un anno male, mi mettevano nell’asilo psichiatrico perché ero indemoniato qui dentro nella pancia. Nell’albergo mi hanno cambiato la camera, ma non mi piace questa, c’è un rumore fortissimo e puzza di aceto e mi spiano con piccole telecamere. Per questo urlavo e vi hanno chiamato per portami via. Sì è meglio che torno in ospedale, così mangio bene e dormo con le pastiglie. Non le voglio prendere le pastiglie perché sono la droga, mi fanno parlare troppo e faccio saliva. No non vengo in ospedale perché mi danno ancora la droga. Andiamo a vedere un film al mega che sparano tutti, è meglio. Bella la tua macchina, opel corsa cinque porte, la mia dove dormo dentro è uguale ma ha tre porte, vai veloce dai. Mi portate all’asilo psichiatrico? Anche se sono vecchio a 47 anni, ma è meglio dai così mangio bene e dormo che mi danno le pastiglie. Poi facciamo una partita a calcio, io sono bravissimo faccio dei colpi che nessuno sa. Anzi Pirlo sì, che è il migliore. Va bene questa cintura, mio cugino è bravo ad aggiustarle, è morto. Domani mi vieni a trovare, qui sto bene gioco a carte. Non volevo prendere le pastiglie, mi hanno fatto una puntura che dura 28 giorni, poi devo rifarla. Ce l’hanno anche in Marocco. Torno lì, è meglio. Almeno sto tranquillo finché qui finisce la crisi. Sai che ho due mogli, ma una non mi vuole più perché non la sposo. Poi ritorno. Ma facciamo il biglietto di sola andata, va bene? Parto sabato, va bene. Prima prendevo millecinquecento euro, se lavoro sto bene e non devo prendere la droga. Non mi capitava dal millenovecentonovantotto”.

 

A un certo punto me lo sono immaginato. Nessuna presunzione di avere capito, tantomeno di provare cosa significa davvero. Semplicemente un’immagine prolungata, tipo cortometraggio, mi ha avvicinato all’idea di “ho perso tutto”. Ho visto casa mia che ha iniziato a svuotarsi, gli oggetti spariscono uno a uno, a cominciare da quelli meno importanti per arrivare agli irrinunciabili. Le piante, i libri, i dischi, le stoviglie, tavolo, sedie, mobili, la tv, la doccia, i sanitari, sapone, spazzolino, lavatrice, lampade, il letto, l’armadio, i vestiti, la biancheria, la dispensa, la pasta… E poi la testa.

 

Il disagio mentale di B. che lo colpiva da ragazzo, è riemerso violento da quando ha perso il lavoro, la casa, il rapporto con la famiglia. Ora ha solo la carta d’identità che porta il suo nome, ma non gli dice più chi è.

 

“Cosa faccio qui, mi ammalo di nuovo. Ho perso tutto”.

Share |

Ultimi video

  • catena uv

  • voli uv

  • sad uv

  • joaquim uv

Ultime foto

  • uganda17 uf

  • catena uf

  • maratona2015uf1

  • afg foto

Iscrizione newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato su notizie, eventi e comunicazioni.
Privacy e Termini di Utilizzo

ssad box

Sostieni a distanza. Salva una vita.

Acqua, cibo, salute, istruzione: diritti fondamentali che devono avere tutti i bambini del mondo.

sostegno a distanza

Associazione Gruppi "Insieme si può..." onlus - ong

Via Vittorio Veneto 248 - 32100 Belluno ITALY

+39.0437.291298  - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

C.F. 93009330254

Sito web realizzato da